Sperimentazione contro la SLA.

Cari amici e sostenitori,

esponiamo la presente comunicazione per aggiornarvi sull’andamento della sperimentazione di fase I sul trapianto di cellule staminali cerebrali umane in pazienti affetti da sclerosi laterale amiotrofica. Venerdì 19 Dicembre 2014 è stato eseguito il sedicesimo trapianto di cellule staminali cerebrali umane in cui un paziente affetto da SLA ha ricevuto 3 iniezioni nella parte destra e 3 nella parte sinistra del midollo spinale cervicale, per un totale di 6 inoculi cellulari. Riportiamo con piacere che l’intervento è riuscito con successo e che il paziente è in buone condizioni ed è appena stato trasferito dal reparto di rianimazione a quello di neurologia per il trattamento standard, esattamente come previsto dal protocollo di fase I approvato da AIFA e dall’Istituto Superiore di Sanità e dai Comitati Etici responsabili.

Il paziente appartiene al terzo gruppo ed ultimo gruppo previsto dalla nostra sperimentazione. Ricordiamo che tale sperimentazione comprende, appunto, tre gruppi di sei pazienti ciascuno, per un totale di diciotto malati da trapiantare. Si è trattato quindi del terzultimo trapianto, per cui la sperimentazione si concluderà nella prima parte del 2015 con il trapianto degli ultimi due malati di SLA. Non possiamo allo stato attuale trarre alcuna conclusione, e così sarà per molti mesi a venire, durante il quale i pazienti vengono tenuti sotto continua osservazione radiologica e neurologica. Siamo però felici di poter confermare quanto già osservato in precedenza, vale a dire che, ad oggi, non abbiamo riscontrato alcun effetto avverso causato dal trattamento a cui i pazienti sono stati sottoposti.

Inoltre, vi comunichiamo che una pubblicazione scientifica, in cui si descrivono i risultati documentabili sul primo gruppo di sei pazienti che hanno ricevuto il trapianto in regione spinale lombare, è attualmente sottoposta a revisione per la pubblicazione su di una rivista scientifica internazionale, al fine di divulgare e rendere accessibili e valutabili i nostri risultati alla comunità medica e scientifica internazionale.

Sarà nostra cura tenervi aggiornati sull’evolvere del nostro lavoro, sia direttamente, tramite la nostra mailing list, che attraverso l’esposizione di un comunicato apposito sui siti di Revert Onlus e affiliati. Rinnoviamo i ringraziamenti per il vostro supporto per questa iniziativa che come sapete resta estremamente complessa e vi saluto cordialmente anche a nome di tutti i collaboratori di Revert Onlus.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Notizie Scientifiche. Contrassegna il permalink.